Qual è il nome del terribile Sceriffo di Nottingham?

«“Io credo,” riprese Little John freddamente, “che renderemmo servizio a tutto il contado se, prima di andarcene, mandassimo il barone dal suo compare Satana”».

«“Barone Fitz Alwine,” disse con gravità Little John, “devo agire secondo le leggi che governano le nostre foreste: voi state per morire”».

sceriffo-di-nottinghamÈ chiaro che stiamo parlano di personaggi che appartengono alla saga di Robin Hood che si svolge nella foresta di Sherwood, Little John è il gigantesco amico dell’arciere e il compare di Satana, il barone che sta per morire, il nominato Fitz Alwine, è il cattivissimo Sceriffo di Nottingham. Conosciamo il suo cognome, ma qual era il suo nome?

Nel Robin Hood. Il Principe dei ladri (1872) di Alexandre Dumas padre possiamo raccogliere molte informazioni su una figura tra le più cattive della letteratura, il barone Fitz Alwine, meglio noto come lo Sceriffo di Nottingham, così descritto in prima battuta: «Quanto al barone Fitz Alwine, faremo presto la sua conoscenza; per ora basti sapere che questo vendicativo personaggio ha giurato di uccidere Allan [Clare] perché costui ama, riamato, lady Christabel Fitz Alwine, sua figlia…» sappiano inoltre che soffre di gotta, è stato in Terrasanta a combattere, quindi è credente praticante, il suo carattere ha subito peggioramenti da quando «ha ricevuto a Gerusalemme un colpo di scimitarra in testa, ha perduto la ragione e il buonsenso» e che «Era un uomo sulla cinquantina, di statura media, con gli occhi piccoli e vivaci, naso aquilino, lunghi baffi, sopracciglia spesse, tratti energici, la faccia rossa e una strana espressione di ferocia. Portava un’armatura a scaglie e una larga sopravveste bianca o la croce dei crociati». Non sa scrive né leggere, e sospettava di chi fosse capace di maneggiare queste diaboliche arti, riservati agli uomini del clero.

jtDunque, sappiamo abbastanza. Ma non il suo nome. Per tutto il libro emerge il suo carattere in tutte le sue terribili sfumature, infatti è perennemente in collera, vendicativo, perfido, traditore, astuto, capace di pronunciare insulti duri – anche originali come “Cane prolisso!” o “spia sacrilega del confessionale! inviato di Satana!” –, tiranno isterico e persecutore, anche nei confronti della figlia. Quando scopre che la bella Christabel fugge dal castello per riabbracciare il suo amato Allan Clare, Dumas scruta l’animo del vecchio crudele padre: «Rimasto solo, il barone sragionava travolto ora dalla frenesia della collera ora dalla disperazione del cuore. Amava sinceramente la figlia, e la vergogna che provava per la sua fuga con un uomo era meno forte del dolore che gli procurava il pensiero di non rivederla più, non abbracciarla più, e anche di non tiranneggiarla più».

Alan-Rickman_The-Sheriff-of-NottinghamLa Sceriffo di Nottingham, il nostro spregevole barone Fitz Alwine, secondo me, è tra le maggiori figure antagonistiche meglio riuscite, la sua cattiveria gratuita ce lo rende insopportabile, vorremmo che presto questo perfido venga spedito all’altro mondo, e lo immaginiamo nel modo più atroce tanto è grande il disprezzo che ci ispira una figura maestra del disprezzare gli altri. Si merita, non a caso, il titolo di compare di Satana, eppure… di costui non conosciamo il suo nome di battesimo. Perfetta figura del malvagio, ma allo stesso tempo incompleta. A ognuno la scelta di dargli il nome che si vuole.

Jim Tatano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...